Università Forex Trading

LA BANCHE CENTRALI (PARTE II)

Nella prima parte dedicata alla banche centrali abbiamo illustrato come le indicazioni fornite dalle autorità monetarie (e le aspettative sulle indicazioni), muovono in maniera consistente il mercato del forex. Proseguiamo adesso nell’analisi degli organismi monetari dopo aver già analizzato Fed e Bce nella precedente puntata.

In Gran Bretagna l’organismo dedicato alla gestione della politica monetaria è la Bank of England composta da 9  componenti.

La frequenza delle decisioni è mensile ed il mandato prevede il mantenimento della stabilità monetaria e finanziaria con un livello target di inflazione pari al 2% nel medio lungo periodo.

La Bank of Japan rappresenta in questo momento una delle Banche Centrali più influenti e discusse nel panorama valutario per la sua capacità di manipolare lo Yen mantenendolo debolissimo e favorendo così le aziende esportatrici nipponiche. Solo nel 2006 è stata abbandonata la Zirp (Zero Interest Policy) dai 9 membri di un board che si riunisce 1 o 2 volte al mese.

In Svizzera è la Swiss National Bank l’organo deputato al controllo di inflazione e politica monetaria. L’organismo si riunisce ogni trimestre, ma a differenza delle altre banche, non definisce un tasso preciso di interesse, bensì una banda di oscillazione.

Post correlati:  Definizione operative forex, certo per incerto e incerto per certo

Did you enjoy this post? Why not leave a comment below and continue the conversation, or subscribe to my feed and get articles like this delivered automatically to your feed reader.

Comments

[…] LA BANCHE CENTRALI (PARTE II) […]

[…] LA BANCHE CENTRALI (PARTE II) […]

Leave a comment

(required)

(required)