Università Forex Trading

LA FIGURA TECNICA DEL RETTANGOLO

I rettangoli sono formazioni grafiche che descrivono un andamento orizzontale delle quotazioni. Come per il triangolo isoscele, non è possibile sapere in anticipo se la figura presenterà implicazioni rialziste o ribassiste. Spesso i rettangoli rappresentano un consolidamento del trend in atto e quindi, sono figure di continuazione. Nel 20/25 per cento dei casi corrispondono ad una fase di inversione. Questo è particolarmente vero quando il segnale si verifica alla fine di un movimento ribassista. Lo sviluppo della figura è caratterizzato da oscillazioni dei prezzi all’interno di una fascia orizzontale più o meno ampia in cui si devono registrare almeno due minimi e due massimi. Il supporto e la resistenza tracciati su questi valori rappresentano i limiti del trading range: al livello superiore prevale la forza dell’offerta, al livello inferiore quella della domanda. Si può, quindi, affermare che mentre il triangolo isoscele rappresenta una situazione di mercato caratterizzata da estrema incertezza degli operatori, il rettangolo rappresenta un vero e proprio conflitto fra domanda ed offerta. Più raramente si registrano formazioni grafiche molto simili ai rettangoli che hanno però il supporto e la resistenza divergenti anziché paralleli. Se le altre regole generali sono rispettate, la figura può essere considerata ugualmente valida, le sue implicazioni risultano del tutto identiche a quelle del rettangolo. I volumi seguono un andamento decrescente man mano che il rettangolo prende corpo. Il completamento della figura avviene con il superamento della resistenza o la perforazione del supporto. L’uscita dal rettangolo deve essere accompagnata da un incremento dei quantitativi. Il rispetto di questa condizione è fondamentale per la valutazione di affidabilità del segnale e deve necessariamente essere verificato nel caso di rottura verso l’alto. Non è raro rilevare un ritorno dei prezzi verso la figura. Questo return-move rafforza il segnale di acquisto o vendita che si era generato in seguito al completamento della figura. L’obiettivo minimo indicato dal rettangolo si misura proiettando l’altezza della figura dal punto di rottura.

Post correlati:  La figura tecnica del broadening formation

Did you enjoy this post? Why not leave a comment below and continue the conversation, or subscribe to my feed and get articles like this delivered automatically to your feed reader.

Comments

[…] LA FIGURA TECNICA DEL RETTANGOLO […]

Leave a comment

(required)

(required)